Varigotti: un borgo tra mare e leggenda

I suoi stessi abitanti definiscono Varigotti un antico borgo saraceno, facendo della passata dominazione araba un vero e proprio motivo di vanto. La nascita del borgo si deve alla sua posizione strategica, in un’ansa riparata dai forti venti, che ne fece presto il più importante, nonché unico, porto naturale della riviera di ponente, di cui i Romani si servivano saltuariamente. Una volta cacciati i Bizantini nel 641, il borgo venne abbandonato, poiché i conquistatori Longobardi, sprovvisti di una flotta, non ne avevano alcun bisogno; fu così che, provenienti da una base araba in Provenza, giunsero i Saraceni, la cui storia si intrecciò profondamente con quella della popolazione locale, lasciando un marchio indelebile nella loro cultura. La loro presenza è testimoniata oggi dallo stile delle case, dei vicoli, e soprattutto dai colori caldi e tenui che rendono Varigotti un borgo unico nel suo genere.

Se vi trovate nella zona occidentale della Liguria, non potete non fare un salto in questo angolo d’Italia, tanto ricco di storia quanto di panorami mozzafiato. Vi lascio il mio itinerario, per non perdervi il meglio che questo borgo ha da offrire

INFORMAZIONI PRATICHE

Qualche info pratica su come raggiungere Varigotti per chi non arriva in macchina (in questo caso non sottovalutate il costo del parcheggio): il bus che costeggia i paesini della costa di ponente è il numero 40 e ne passa uno più o meno ogni venti minuti, sia in una direzione che nell’altra. Se, come noi, siete alloggiati in zona Savona, vi consiglio di lasciare la macchina al grande parcheggio gratuito di Noli e poi di prendere l’autobus, che vi lascerà comodamente nel centro di Varigotti.

COSA VEDERE

IL BORGO SARACENO

L’agglomerato di casette color pastello, adornate da grandi cespugli di fiori e palme ad ogni angolo non può che affascinare chiunque. Varigotti è così, un susseguirsi di vicoli pittoreschi che portano al mare, regalando scorci meravigliosi in cui l’azzurro delle acque è a contrasto con i toni caldi delle costruzioni. Ogni tanto si arriva in qualche piazzetta, con le panchine colorate e un paio di anziani intenti a leggere il giornale. La mia preferita è Piazza dei Pescatori, che conduce al molo del paese, percorrendo il quale si può godere di una fantastica vista (sul borgo, da una parte, e sul mare aperto, dall’altra). Un’altra piazzetta è proprio adiacente al molo ed è Piazza del Mare, dove non è inusuale imbattersi in colorate barchette che attendono sulla sabbia di essere ricondotte in mare.

Piazza dei pescatori
Veduta di Varigotti dal molo
Molo di Varigotti

PUNTA CRENA

Il parco naturale di Punta Crena è una delle meraviglie nascoste della Liguria. La piccola e paradisiaca spiaggia è raggiungibile solo via mare, ma regala ai pochi fortunati avventurieri acqua cristallina e sabbia. Il promontorio che la sovrasta domina sull’intera Varigotti e proprio sul punto più alto svetta l’antica Torre Saracena, dalla quale anticamente i dominatori arabi controllavano l’arrivo di eventuali minacce via mare. Oggi la torre è facilmente raggiungibile con un breve percorso di trekking, a cui si possono approcciare tranquillamente anche i principianti (noi l’abbiamo fatto in ciabattine da spiaggia, per intenderci). All’inizio del percorso troverete una mappa del parco con i diversi itinerari indicati con colori diversi e il rispettivo tempo di percorrenza (calcolate però sempre meno di quanto indicato). In circa 15 minuti si raggiungono la torre saracena e l’antistante terrazza belvedere, dalla quale potrete spaziare con lo sguardo dal borgo di Varigotti alla meravigliosa Baia dei Saraceni, dove il mare sfiora tutte le tonalità del blu e dell’azzurro. Il panorama è veramente mozzafiato, con scorci pazzeschi che compaiono inaspettati attraverso la vegetazione mediterranea, regalando contrasti e accostamenti di colore tra i più suggestivi mai visti. Restate tutto il tempo che vi sembra necessario per godere a pieno di questo luogo, prima di iniziare la discesa. Per gli appassionati il percorso prosegue fino alla chiesa di San Lorenzo, tuttavia noi abbiamo scelto di non avventurarci oltre, dato soprattutto l’abbigli non adeguato. Sicuramente però la prossima volta ci attrezzeremo per completare il percorso, che già con questa prima parte ci ha conquistate!

Torre saracena
Belvedere della Torre Saracena

LE SPIAGGE

Il mare di Varigotti è tra i più puliti della costa ligure, complice anche il fondale costituito quasi interamente da roccia. Sì, intendo proprio roccia, non ghiaia, non sassolini, ma un vero e proprio strato compatto di sasso, marroncino molto chiaro (tanto che noi l’avevamo scambiato per sabbia inizialmente). La balneazione non è semplice, soprattutto per bambini o persone che non hanno molta confidenza con il mare, tuttavia se capitate in una giornata soleggiata di mare calmo l’acqua è uno spettacolo. La lunga spiaggia di Varigotti si estende fino al comune di Finale Ligure, alternando tratti di spiaggia libera ad altri attrezzati. Appena fuori dal borgo si trova rinomata Baia dei Saraceni, una lingua di spiaggia libera famosa per la cristallinità delle sue acque. L’ingresso ha un costo di 5 euro e comprende l’uso di docce e spogliatoi pubblici. Accanto alla Baia dei Saraceni si trova la Spiaggia del Malpasso, attrezzata con lettini e ombrelloni, ad un costo tuttavia per nulla economico. Il consiglio è quello di trascorrere il pomeriggio alla Baia dei Saraceni, se siete abituati a stare tante ore sotto al sole e non soffrite particolarmente la mancanza di ombra. Se invece avete intenzione di prendere lettino e ombrellone per la giornata, il consiglio è quello di scegliere uno degli stabilimenti balneari che servono la spiaggia di Varigotti, più economica e con un mare altrettanto bello, senza contare l’atmosfera suggestiva creata dalle casette color pastello che si affacciano sul litorale. 

Spiaggia di Varigotti
Baia dei Saraceni
Spiaggia di Varigotti al tramonto

Consiglio: per il pranzo prendete una focaccia appena arrivate e mangiatela poi in spiaggia, oppure con vista, alla Torre Saracena. Noi abbiamo provato quella allo stracchino di Focaccia e caffè: buonissima!

se avete in programma un weekend in Liguria leggete anche gli articoli su Portofino e Genova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *